INCONTRI

Esposizione fotografica digitale di Antonio Mercadante

 

“Negli ultimi mesi ho provato a ritrarre le persone che mi capitava di incontrare nei miei spostamenti quotidiani. Facendo questo, volevo, però, lasciare traccia dei luoghi nei quali avvenivano gli incontri o, ancor meglio dei luoghi, volevo lasciar traccia degli spazi. Lì ho avuto l’impressione di intravedere maggiore naturalezza e genuinità. I posti che ci appartengono, anche i posti dove lavoriamo, in un certo qual modo ci descrivono, raccontano qualcosa di noi.”

Sono queste le parole che Antonio Mercadante ha accompagnato alle sue foto. I luoghi e gli spazi che frequentiamo rappresentano quella che è la nostra personalità. Antonio fa un richiamo esplicito ai luoghi del lavoro. Il lavoro si trasforma in un atto creativo, un atto che è giusto celebrare e ricordare e che ci offre la possibilità di trovare armonia e  serenità.

Il lavoro, soprattutto in questi tempi così instabili, ingiusti e precari, è vita, e senza un lavoro dignitoso l’uomo è prigioniero della paura e dell’insicurezza. Le persone debbono poter riconquistare il controllo delle proprie esistenze e dei propri spazi vitali e ciò è possibile soltanto se ciascuno di noi ha la possibilità di avere un impiego che possa permettergli di realizzare i propri sogni e guardare al suo futuro ed a quello delle persone a lui care senza alcun timore. 

Antonio Mercadante su flickr

Antonio Mercadante

Antonio Mercadante è affascinato dalla bellezza del mondo, cerca per sua natura di dare ordine all’ordinario, pur credendo fermamente nelle leggi del disordine; nelle sue foto cerca di attirare l’attenzione dell’ osservatore il tempo necessario perché l’ immagine riesca a suggerire impressioni, atmosfere, ricordi. 

Tags: