BLU

Esposizione digitale di Carmela De Crescenzo e parole di Mik Brigante Sanseverino

Il blu è il cielo. Ma anche il mare. Il blu può essere il giorno, ma anche la notte. Il blu sono le linee che ci proiettano all’infinito. Ma anche i cerchi in cui ci sentiamo protetti. Il blu è volatile, leggero, inafferrabile. Il blu è chiaro, scuro, grigio, lavanda, pallido, torbido, stanco, elettrico, ceruleo, turchese, ciano, cobalto; proprio come le nostre anime.

I Maya credevano che il cuore dell’universo fosse blu. Per gli antichi Egizi era, allo stesso tempo, sia il colore dell’infinito, che del nostro inconscio; ciò che è fuori, ma contemporaneamente dentro di noi. Io penso che il blu, come cantava Rino Gaetano, viva in Calabria, sulle sponde del mare e si nutra d’amore. 

Il blu che preferisco è quello del mese d’Ottobre. L’estate ormai è solo un ricordo; così come lo sono il rosso bruciante dei suoi tramonti, il verde intenso degli alberi, il giallo abbagliante del sole. Ad Ottobre, invece, son tutti spariti. Ed è in queste giornate che io apprezzo il blu, rammento i momenti trascorsi assieme e sorrido. 

Carmela De Crescenzo

«Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur. Quis aute iure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.» Qual è il senso? O stiamo solo sprecando il nostro tempo a doppiare film muti? 

Tags: