MATRICI

VERONICA VECCHIONE il sito ufficiale

“Per un momento io lascio la vita sospesa negli angoli
E mi abbandono alla fragile attesa di nuovi pericoli
Volteggio piano nel vuoto d’amore, apro i miei occhi nel blu
Di questo cielo così grande.”
(Patrizia Laquidara, L’equilibrio è un miracolo)

Ogni giorno ciascuno di noi riproduce dei gesti, dei suoni, delle parole, dei riti di iniziazione sempre uguali. E anche se non ce ne rendiamo conto, se ci sentiamo ingabbiati in un ipotetico destino, la serialità di queste azioni sono la base per un effettivo cambiamento. Non sappiamo se il caso esiste davvero o se siamo noi stessi a fare in modo che esista, ma sappiamo che quando, all’improvviso, ci accade qualcosa, la nostra vita cambia.
E con lei cambiamo noi.
Questo cambiamento non può non avvenire che nella ripetizione automatica degli eventi, perché è nell’inciampo che si riproduce la vita, un nuovo punto di partenza, l’essenziale che è invisibile agli occhi.
Veronica Vecchione ce lo racconta da artista inarrestabile e donna vulcanica e generosa, quale è.

(Testo critico a cura di Rita Alessandra Fusco)